Effetti positivi e negativi della caffeina

commons.wikimedia.org

Per la maggior parte delle persone, la prima cosa da fare al mattino è versarsi una tazza di caffè o di tè. Si stima infatti che ogni giorno si consumino oltre 1,6 miliardi di tazze di caffè. Ma tutta questa caffeina fa davvero bene? Se no, quali sono gli effetti negativi sulla salute?

Secondo le stime dell’USDA, una persona media consuma circa 300 mg di caffeina al giorno, l’equivalente di due o quattro tazze di caffè. Questa è considerata una quantità moderata di caffeina. Molti studi hanno dimostrato che una quantità moderata di caffeina può essere benefica per la salute.

La caffeina è uno stimolante naturale che può essere ricavato da oltre 60 fonti vegetali diverse. In quantità moderate può migliorare l’attenzione e la concentrazione e combattere la sonnolenza. Uno studio ha rilevato che bere tre tazze di caffè al giorno può ridurre il rischio di cancro al fegato fino al 50%. Un altro studio suggerisce che bere quattro tazze di caffè al giorno potrebbe ridurre del 50% il rischio di cancro alla bocca e alla gola.

È stato dimostrato che il consumo di caffeina ha effetti positivi anche sulle funzioni cerebrali. Una recente ricerca ha scoperto che il consumo di 200 mg di caffeina al giorno può aumentare la memoria a lungo termine. Altri studi hanno dimostrato che l’assunzione moderata di caffeina può proteggere l’organismo da condizioni di salute come il morbo di Parkinson, le malattie cardiovascolari, l’ictus e il diabete di tipo 2.

commons.wikimedia.org

Tuttavia, il consumo di quantità superiori a 500-600 mg di caffeina al giorno può comportare effetti collaterali negativi piuttosto gravi. Un consumo elevato di caffeina può causare insonnia, nervosismo, irrequietezza, sbalzi d’umore, irritabilità, aumento della frequenza cardiaca, nausea e persino tremori muscolari. Alcuni studi hanno dimostrato che un maggiore consumo di caffeina può addirittura portare a una morte prematura.

La caffeina tende a influenzare ogni individuo in modo diverso, e questo potrebbe essere il motivo per cui ci sono così tante informazioni contrastanti sui suoi benefici e/o rischi per la salute. Ad esempio, le persone che soffrono di disturbi d’ansia possono avvertire un aumento dei sintomi di ansia dopo il consumo di caffeina. Inoltre, le persone che fumano sigarette metabolizzano la caffeina due volte più rapidamente dei non fumatori. D’altra parte, le persone con malattie epatiche, le donne in gravidanza e i bambini piccoli metabolizzano la caffeina molto più lentamente, il che può aumentare il rischio di intossicazione da caffeina.

Poiché la caffeina è uno stimolante e tecnicamente una droga, si può sviluppare anche una dipendenza. Con la dipendenza arriva l’astinenza. Alcuni individui che diventano fisicamente dipendenti dalla caffeina possono manifestare gravi sintomi di astinenza se non si mantiene l’assunzione abituale. Questi sintomi possono includere mal di testa, forte stanchezza e sonnolenza, depressione, irritabilità, sbalzi d’umore, difficoltà di concentrazione e persino nausea/vomito. Alcune persone diventano così dipendenti dalla caffeina che, anche quando vengono informate sugli effetti collaterali negativi, non riescono a smettere di consumarla né fisicamente né mentalmente.

Nel complesso, la caffeina è relativamente sicura se assunta con moderazione. Tuttavia, è importante monitorare la propria reazione individuale alla caffeina. Se iniziate a sentirvi dipendenti dalla caffeina per funzionare o se iniziate a sperimentare effetti collaterali negativi, potreste voler diminuire o eliminare del tutto il consumo di caffeina.

ANNUNCIO

Ti potrebbe anche piacere